cerca

Dio salvi l’Italia / 2

1 Luglio 2011 alle 08:30

Il problema dell’Italia è la chiesa cattolica. Perfetto. La vera anima Italiana era quella, un’anomalia, se si considera la questione Romana. La Roma politica, è sempre stata debole, “piove governo ladro”, è detto popolare che significa proprio questo. In questi ultimi decenni l’idea di una patria possibile, l’Europa, è andata affievolendosi, per demerito dell’Europa, che è solo un club di finanzieri. Abbiamo quindi tre vuoti. Poco tempo fa La Stampa ha riportato il discorso di Pericle agli Ateniesi. Mi sono commosso, rileggendolo dopo tanto tempo. Che pagina sublime, che meraviglia ed è così attuale. La res publica, da noi non esiste. Troppa corruzione, troppi “furbetti” e troppe piccinerie di partito sono il vero male. Eppure è ciò che gli Italiani desiderano di più senza mai incappare in un governo capace di fornirgli questo. Lei teme il neo puritanesimo; a me sembra fenomeno legato all’anti Berlusconismo. Nemmeno la chiesa cattolica non è mai riuscita a modificare “Bacco, tabacco e Venere”; figuriamoci Ezio Mauro e Zagrebelsky. Quindici minuti di notorietà, come pronosticava Warhol, poi spariranno. Quello che dico sembra fuori moda, visti i giusti risultati alle ultime elezioni, ma credo che i grandi vuoti istituzionali siano già, e sempre più saranno, colmati dai localismi che probabilmente avranno un nome diverso da Lega. La preesistenza dei municipi all’unità d’Italia, sono realtà storica ed anima vivente del nostro popolo. Anima mai sopita e che nessun fascismo, monarchia o repubblica ha saputo forgiare in una nazione.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi