cerca

Pensioni d'oro

30 Giugno 2011 alle 08:00

Leggo che, per la manovra da 47 miliardi attualmente in discussione, si definiscono d'oro le pensioni superiori a 5 volte quella minima. Facendo la moltiplicazione 467,43x5 otteniamo 2.337,15 euro LORDI al mese. Tre considerazioni: - Abbiamo superato il limite del ridicolo, sia nel governo/parlamento che ipotizza queste manovre (mentre incassa stipendi e pensioni stellari), sia nei mas-media che diffondono tale terminologia senza spiegare di quali importi stiamo parlando; - Nessuno ricorda che queste pensioni sono il frutto di 35/40 anni di contributi versati all'Inps sulla base di regole ben chiare, che ora vengono allegramente sconfessate. Già, ai fini del calcolo della pensione, i contributi per stipendi superiori al minimo valgono meno; se poi viene azzerato ogni adeguamento all'inflazione ci troviamo di fronte ad una vera e propria espropriazione (truffa). - Perché questa regola vale solo per le pensioni Inps? I politici e chi si è fatto la sua pensione personale con una polizza, ovviamente non vengono toccati. Evidentemente non tutti i cittadini sono uguali. Era meglio lavorare in nero?

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi