cerca

Viamo tra falso buonismo e moralismo contorto

29 Giugno 2011 alle 18:30

Che fine ha fatto l'Italia di cinquanta anni fa? Quando la società viveva. Il falso buonismo e il moralismo più contorto sta prendendo il sopravvento. Se prima si posizionava la famiglia naturale come vero valore oggi si cerca di soppiantarlo con altri tipi di famiglie, chiamiamole alternative. Forse la famiglia naturale non è più di moda? Perché si cerca di svalorizzare? Siamo arrivati a una situazione tale dove, non solo chi difende tali valori viene criticato, ma anche emarginato. Lo stesso si potrebbe dire dell'aborto, se prima era impensabile di uccidere una creatura vivente nel grembo della propria madre e farla franca, oggi c'è tanto di assistenza statale, e può essere considerato come qualcosa di moralmente impeccabile. Tanto che prima i medici obiettori di coscienza c'erano ed erano anche quelli che praticavano l'aborto contro la legge, oggi sono quelli che non lo praticano a prescindere i veri obbiettori di coscienza, vera classe a rischio perché vanno sempre a scemare. E non si parla di legge ma di coscienza che è qualcosa di diverso. “Il cielo stellato sopra di me, la legge morale in me”. Il cielo stellato c'è ancora, ma la legge morale?

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi