cerca

Per i migliori, quelli che ci vogliono insegnare come vivere

20 Giugno 2011 alle 14:30

Date le analisi che tutti condividono: gli italiani sono individualisti per storia, costume, abitudini e, forse per necessità, sono sostanzialmente restii e diffidenti verso le regole e le leggi, ingovernabili, si potrebbe concludere, perché non hanno alcun senso della cosa pubblica e del bene comune, non si vede quale realistico spazio di manovra potessero avere le riforme del Cav., che avrebbero coinvolto tutti quegli italiani, anche i suoi elettori. Da noi le riforme sono intese come un travaso di vantaggi settoriali, mai considerate come un vantaggio per tutti. Arrivano tempi duri anche per l’assetto politico bipolare che il Cav., con merito, ha costruito. Dal 1994 gli italiani, votando, possono indicare apertamente quale governo vogliano. Ma non è stato sufficiente. La sovranità del popolo, così chiaramente manifestata e di cui il governo è l’espressione, viene, secondo costituzione, traslata nei procedimenti della repubblica parlamentare e, secondo vulgata, richiamarvisi diventa populismo. Non c’è costituzione materiale che tenga: Carta canta. Ancora, le lobby di potere, da quelle economiche a quelle religiose, da quelle militari a quelle sociali, da quelle finanziarie a quelle industriali, da quelle istituzionali a quelle editoriali, sono presenti in ogni società organizzata. La politica e le lobby sono soggetti paritari che lavorano in parallelo e formano insieme le portanti del sistema, nell'accorto rispetto ed equilibrio dei rispettivi ruoli. Con buona pace degli ineffabili amanti dell'utopistico paradiso etico. Oggi, in Italia, nel loro insieme le lobby sono arrivate a condizionare la politica fino al punto di prenderne il posto e il compito. La tapina dove può trovare la forza, progettuale, culturale e morale per contrattaccare? Continua a sbudellarsi coscienziosamente al suo interno. Il suo esercizio preferito. Non ha testa per capire che le lobby stanno, benevole, ad osservare. Non ha molta importanza quale parte prevarrà. Dovrà sempre passare da loro.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi