cerca

Malafede!

14 Giugno 2011 alle 08:00

L'esperienza ha dimostrato che i responsi ai quesiti refendari sono spesso stati disattesi dal potere politico. Se le risposte degli italiani, che a torto si ritiene non essere informati a sufficienza sull'importanza dei quesiti, non sono gradite ai rappresentanti (!) del popolo, le manovre per aggirarne gli effetti cominciano in fretta. Stavolta però si ha l'impressione che l'opinione pubblica, che si forma ormai al di fuori dei canali tradizionali, correttamente considerati fuorvianti, starà più attenta alle azioni dei politici. Gli impegni e le promesse del momento attuale sono ispirati al contentino per il popolo, spesso considerato popolo bue, e certamente non meritano alcun credito specie se dichiarate da chi si è rivelato da gran tempo bugiardo costituzionale. E' con rammarico che assisto quotidianamente all'obliquo servaggio di intelligenze spalmate in ogni branca del potere giornalistico e televisivo. Taluni maìtres à penser tradiscono il loro compito che dovrebbe essere l'osservanza del privilegio di informare, orientare correttamente e onestamente l'opinione pubblica dei fatti della politica quotidiana.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi