cerca

Referendum: il silenzio sui no e sull'astensione

6 Giugno 2011 alle 18:00

Girando per l'Italia o per Inernet, ormai fa lo stesso, si vede ogni forma di supporto comunicativo, ovviamente da stadio non da approfondimento, alle ragioni del voto e del voto favorevole alle quatto abrogazioni: tutti per uno uno per tutti. Molti dei neoeletti sindaci del centrosinistra usano il loro tempo e i soldi derivanti dalla tasse di tutti, anche dei contrari ai quattro sì, con cui vengono retribuiti, per promuovere le ragioni del no. Spesso anche i soldi della comunicazione istituzionale del municipio. nessuno che protesti o che si indigni. L'Agcom e la commissione di vigilanza rai tacciono e anche il foglio questa volta non si sente tanto bene. A me pare che nessuno si occupi delle ragione dei no o meglio dell'astensione ai referendum, mi pare una delle volte un cui il conformismo endogeno al paese sconfini nell'omertà.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi