cerca

Maroni e immigrazione clandestina: verso il ddl espulsioni

30 Maggio 2011 alle 16:16

Il ministro Maroni aveva lanciato una proposta, a suo tempo costretto dall'emergenza clandestini tunisini e non coadiuvato a livello europeo da nessuno, né dall'Unione Europea né dai suoi paesi membri. Ora questa proposta si sta concretizzando per diventare realtà: un decreto che possa correggere la direttiva Ue che impedisce le espulsioni. L'ultimo caso su cui Maroni si basa e che fa scaturire la scintilla parte da un evento assurdo accaduto in questi giorni a Malta, che avrebbe dovuto assistere un ennesimo barcone di clandestini provenienti dalla Tunisia come dettano i compiti del diritto internazionale. Teniamo conto che la maggior parte dei barconi nordafricani in questo momento hanno soltanto due rotte specifiche: Italia e Malta. Ne consegue che entrambi i Paesi debbano accollarsi le dovute responsabilità anche nel soccorrere la disperata gente che approda facilmente nelle relative coste anche grazie alle condizioni meteo favorevoli di questi ultimi tempi. Se Malta non risponde deve per forza pensarci l'Italia mentre la Ue pare lavarsene ancora le mani nonostante i numerosi appelli da parte di Maroni. Il nostro Ministro degli Interni non ha vie d'uscita: due sono gli sbocchi conseguenti. Uno riguarda il fatto di monitorare gli accordi con la Tunisia affinché vengano rispettate regole come controlli dei pattugliamenti che possano bloccare sul nascere sbarchi indesiderati, il cosiddetto accordo dei "mille rimpatri al giorno". L'altro sbocco che potrebbe divenire una soluzione definitiva per il futuro in materia d'immigrazione clandestina è il fatto che il Ministro sta studiando un decreto per bloccare le sentenze sfavorevoli alle espulsioni coattive per fare diventare come regola l'espulsione immediata. Tale proposta di decreto legge potrebbe aiutare ad incrementare una seria e concreta politica sull'immigrazione fondamentale per l'Italia.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi