cerca

Obama e i giudici di sinistra

28 Maggio 2011 alle 11:00

L'incarognimento degli italiani e in special modo di quella parte di loro che per fare il mestiere che ha scelto deve innanzitutto evitare di incarognirsi, mi ha portato più di una volta negli ultimi anni a chiedermi cosa potesse pensare al riguardo il presidente degli Stati Uniti, che oltre a essere il nuovo Messia della sinistra mondiale e nostrana è anche un noto giurista, proveniente da quella 'scuola' che considera i diritti civili di imputati e condannati al di sopra della stessa costituzione (non totem da venerare ma al contrario sempre da reinterpretare per adattarla allo spirito del tempo), per cui non solo si può ma si deve cercare qualsiasi cavillo per evitare una condanna a morte oppure si liberano 46000 detenuti perché il sistema carcerario non è in grado di garantirgli un'assistenza sanitaria decente. Insomma se potessi parlare liberamente a Obama penso proprio che per prima cosa gli parlerei di questo.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi