cerca

Napoli è la spia di un malessere. Non solo del Cav.

27 Maggio 2011 alle 13:30

Il Direttore risponde, riguardo alla posizione presa dal Pd a Napoli, a Umberto Ranieri e, conclude:”… è un errore forse perdonabile ma irrimediabile”. Analisi razionale, corretta, pertinente. Pure Umberto Ranieri è tormentato e dubbioso che l’egemonia politica dell’Idv a Napoli, possa aiutare la rigenerazione del Pd campano. E'costretto a sperarci. Su quali basi? Quelle dell’ex magistrato, sono culturalmente, concettualmente, caratterialmente agli antipodi di quelle di Ranieri. Per cui nessuno pensi, s’illuda che l’operazione napoletana possa dar linfa alla parte riformista del Pd. Vendola, Grillo e gli extra-parlamento, faranno buona guardia perché non accada. Però, quello che sembra incomprensibile, l’appoggio a De Magistris, cambia significato se lo si riesamina dal punto di vista “dell’ossessione antiberlusconiana” che rende assolutamente necessaria, per le prossime politiche, la presenza attiva, senza riserve, dell’Idv, nella coalizione anti B. Sarà un continuo mercanteggiare, opaco e a tratti mortificante, con agguerriti e spregiudicati roditori che cercano sostanzioso cibo nel corpo del Pd. Ma andiamo oltre, uno sguardo disincantato e una considerazione generale suggeriscono che siamo arrivati ad un punto in cui le vecchie, abituali, conosciute, usate e abusate formule politiche della prima repubblica, perpetuatesi fino a oggi, appaiono non più capaci di gestire l’attuale realtà. Vale per tutti. Figuriamoci poi, se per pigrizia, inettitudine, comodità culturale e propagandistica ci si intestardisce a dividere il mondo solo in destra e sinistra.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi