cerca

Il Direttore: considerazioni giuste di una realtà infame

24 Maggio 2011 alle 17:00

Perdere male vincere peggio. L’analisi è corretta nel contesto delle attuali categorie politiche sclerotizzate su destra e sinistra. Così come vengono percepite dall’elettorato. Siamo prigionieri di un dualismo caricato di significati ideologici e simbolici che non si ritrova altrove. Le contese politiche per il governo si sono, in ogni parte d’Europa, assuefatte al concetto dell'alternanza e lo hanno pianamente accettato come fatto fisiologico, intrinseco alla vita politica. Nell’ambito di una legittimazione reciproca. Da noi l’alternanza è sempre stata vissuta come “mors tua vita mea”. Quando vince una parte ha vinto il bene, quando vince l’altra ha vinto il male. Convinzione bipartisan. Ne deriva che la parte perdente farà di tutto per non far “governare” quella vincente. Metodo bipartisan. Metterci dentro il Centro per la Vita della Mangiagalli sarebbe magnifico. Ma la coalizione che sostiene Pisapia, anche se qualcuno al suo interno lo considerasse giusto, non può permetterselo. Il Direttore è stimolante, coglie il nodo, ma difficilmente avrà una chiara risposta da Pisapia. La sclerotizzazione è l’opposto della capacità di ragionare e dialogare.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi