cerca

L'esordio di Sgarbi

20 Maggio 2011 alle 11:30

Da giorni attendevo curioso la data dell’esordio, il 18, sperando che non fosse veramente rinviata. Finalmente anteprima, sigla, confusione. Primi minuti, diciamo un quarto d’ora, ancora confusione, Sgarbi insofferente non sa stare fermo. Poi piano piano comincia a scorrere liscio, i riferimenti a Renzo Arbore accennano ad una volontà di inventare una forma nuova di spettacolo televisivo, e forse ci sta riuscendo. Cossiga, Zeri, Pasolini, Longanesi, e un gran Celentano in bianco e nero, hanno e danno un senso. E il Vescovo, il padre e il figlio veri, poi un vero amante della bellezza: l’ambientalista-Idv anti-pale e anti diserbanti. Morgan deutero-protagonista prima scimmiotta e segue Sgarbi non sapendo dove porsi, gli chiede licenza d’andare (non concessa), poi canta ancora e ancora, e conduce il girotondo-trenino finale. Felliniano, si, ma anche liberatorio con i bambini che cantano allegri. Ma basta cosi’, i teledipendenti non gradiscono. Io invece insisterei.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi