cerca

"Smascherare Pisapia"

18 Maggio 2011 alle 12:16

Così, pare, abbia detto Berlusconi. Come? Non certo con la falsa, e per come è stata fatta, sleale accusa di complicità in furti d'auto. Non mi risulta che sia mai stato ricordato e debitamente evidenziato in campagna elettorale, che Pisapia è stato il presentatore nel 1996 di un disegno di legge di riforma del diritto di famiglia volto ad attribuire ai figli il cognome della madre in nome del "rapporto privilegiato" che essa avrebbe naturaliter con loro. Il padre sarebbe il grande escluso con ricadute incommensurabili sul piano psicologico ed anche pratico. Una vera rivoluzione, ma tutti zitti. Questo è il vero Pisapia. Bastava fare una breve ricerca su Internet, e mi rifiuto di pensare che nel quartier generale degli strateghi morattian/berlusconiani nessuno sapesse. Nessuno, però, osa ormai dire a voce alta e chiara qualcosa per la quale potrebbe essere accusato di essere contro le donne trionfanti. Incensate e fatte eleggere non perchè brave ma perchè donne (e....). O paurosi o complici, e poco cambia. Questa la verità. La cosa straordinaria, e indicativa, è che neanche Pisapia mi risulta abbia fatto cenno di queste sue ideuzze concepite con la sodale Anna Finocchiaro. Certo, perchè i milanesi avrebbero capito il personaggio e le ricadute della sua elezione su diversi piani. Il Pdl è ancora in tempo a rimediare, ma avrà il coraggio di esporsi o preferirà tacere, ancora una volta?

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi