cerca

Diciamoci la verità

17 Maggio 2011 alle 10:50

Non si è trattato di un difetto di comunicazione, come sostiene Formigoni. Purtroppo la Signora Moratti è stata un sindaco sbiadito, che ha fatto imbufalire migliaia di persone inventandosi l'ecopass, senza migliorare di una virgola il traffico, ma aumentando di fatto la tassazione i infliggendo multe. Le opere pubbliche vanno a rilento, non solo per mancanza di soldi, ma anche per incompetenza (i cantieri della Lienea 4 del metrò partono con un anno di ritardo perchè si era sbagliato a fare le gara, la storica darsena è stata di fatto inghiottita per sempre da un parcheggio sottorreneo mai realizzato, piste ciclabili poche e malfatte, etc. etc.), ma anche per assurde liti e ripicche personali (vedi Expo). Gli assessori sono modesti e spesso succubi di categorie marginali ma, chissà perchè, potentissime (per fare spazio ai baracchini dei venditori ambulanti, un assessore ha pensato bene di tirar giù platani secolari proprio alla viglia delle elezioni!!!). Le difficoltà del governo nazionale avrebbero potuto essere superate da una buona amministrazione, che è invece mancata. Non credo sia un caso se i risultati sono uniformemente negativi in quasi tutte le zone. Ci vorrebbe il coraggio di riconoscere gli errori e di presentare prima del ballottaggio una squadra di governo credibile. Altrimenti Milano dovrà sperimentare il governo vendoliano.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi