cerca

Dove è oggi il comunismo

14 Maggio 2011 alle 09:00

Lo vediamo tutti i giorni, nelle inchieste ad personam, nel fango del gossip giudiziario, nell'intolleranza di un certo mondo sindacale, nella brutalitá della piazza sobbillata ad arte, nell'indottrinamento che qualcuno porta avanti nelle scuole, nella ignorante arroganza di tanti falliti che sono disposti a tutto pur di non lasciarsi sfuggire il potere che ancora tengono in mano, nello statalismo che continua a imporre il suo parassitismo, in tutti gli apparati pubblici dove regnano sovrane la inefficienza, il conformismo, la inadeguatezza, la stupiditá e la violenza, nei media che propagandano la faziositá piú feroce, nella desolazione delle regioni rosse in cui il tessuto della libera iniziativa e della cultura di impresa é stato sradicato con vile determinazione e che costerá decenni ricostruire con una consapevolezza e una pazienza che non si sa quando saranno disponibili. Sono le scorie di una "cultura" che ha lasciato solo macerie e ha diviso consapevolmente e profondamente questo Paese, sulla leva di un desiderio di guerra civile, condotto dalla mediocritá prepotente contro la intelligenza e con cui si vuole rendere prigioniero il Paese. Il comunismo é ancora brutalmente vivo solo in Italia.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi