cerca

Io sto con i Renzi prossimi venturi

13 Maggio 2011 alle 15:01

E’ giunta l’ora di fare largo a giovani risorse affrancate da trascorsi compromettenti. Questi anziani uomini di partito, buoni per tutte le stagioni, si riciclano in continuazione rinnegando puntualmente le proprie origini e le acrobazie ideologiche che hanno loro consentito di attraversare indenni ogni fase politica. Chi ha trascorso in fabbrica gli anni di piombo ricorda bene come e da quali personaggi , tuttora sulla cresta dell’onda, veniva alimentato quel clima di odio che ci ha reso orfani della speranza e di tanti colleghi ed amici ( non solo eroici magistrati). Questi vecchi superstiti di un’epoca, che vorremmo lasciare definitivamente alle spalle, e che occupano anche cariche istituzionali, ancora impediscono, attraverso un collaudato sistema di cooptazione, di fare emergere il merito e le idee delle nuove leve. Non voglio esprimere alcun giudizio sulla vicenda di Milano ma sicuramente Pisapia non si è calato ieri da Marte su di un carro volante, vergine e trionfante. Ha una sua storia, come tanti altri, che connota la sua identità politica. E’ stancante a 70 anni dover ripetere concetti ovvi ma il paese non si può più permettere di continuare discettare sul colore delle casacche dei campioni nell’agone politico, ma deve valutare la loro capacità di realizzare le riforme necessarie . Abbiamo bisogno di volti nuovi che il passato comincino a costruirselo attraverso le loro concrete azioni di domani....

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi