cerca

Sulle trasversalità parallele, e altri incubi geometrici

11 Maggio 2011 alle 11:23

La memoria dei magistrati vittime del terrorismo è più infangata dal magistrato che, nascosto in procura, si mette a far politica invece di fare il suo dovere, o da chi quel magistrato accusa di far politica invece di fare il suo dovere? La memoria dei soldati caduti durante la guerra e' più infangata dal soldato che, nascosto in trincea, si vende al nemico invece di servire la sua patria, o da chi quel soldato accusa di vendersi al nemico invece di servire la sua patria? Non saprei proprio. Ne' so se nella storia ci siano stati più soldati eroi o più soldati traditori, o quale sia l'omologa statistica presso i tribunali. Di sicuro, essendo le umane debolezze categorie trasversali rispetto a quelle longitudinali delle forze armate e delle procure, non si può dire che i soldati siano gente più seria dei magistrati. Ne' si può dire, invero, il viceversa. Si può dire invece, con certezza, che esistono diatribe che non possano giammai aver fine. Poiché, com'e' noto, la deficienza e' sempre stata una categoria trasversale, parallela, convergente e longitudinale nei confronti d'ogni altra categoria, gruppo, compagine e sottofamiglia dell'intera, sterminata, insopportabile umanità.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi