cerca

Adottiamo un paese africano

11 Maggio 2011 alle 13:30

Vorrei riproporre un’idea di aiuto diretto sul posto, dei paesi africani in difficoltà, da parte degli europei, con lo scopo di arginare gli esodi in massa. In un’Europa priva assolutamente non solo di strategie comunitarie univoche, ma addirittura di un coordinamento su qualsiasi problematica emergente, in termini di politica estera, difesa comune, prevenzione sociale per gli stranieri, eccetera: in un’Europa, così conformata, il problema della migrazione africana si risolve solo in una maniera. Berlusconi vada all’Onu e proponga una forma di protettorato-sostegno effettuato da parte un paese Europeo a favore di un determinato Paese africano, privo di conformazione statale organizzata. Il paese Tutore si impegna a costruire scuole, ospedali, strade e tutte le strutture sociali utili, militari ed amministrative, avendo in contropartita la priorità a controfirmare eventuali contratti di lavoro in loco. Il paese sostenuto si impegna a mantenere e fornire lavoro ai propri cittadini impedendone l’emigrazione. Come già alcune comunità ed associazioni religiose bergamasche fanno, tutti gli stranieri che vengono in Italia per istruirsi (regolarmente certificati), devono tornare nel proprio paese, onde permettere l’avvicendamento di nuovi operatori-studenti. Praticamente, bisognerebbe adottare un paese per portarlo a mano fino alla sua maturità. Questo dovrebbe proporre il nostro leader Berlusconi in sede Onu: “Adottiamo un paese”, lanciare, cioé, una soluzione programmata per lo sviluppo di quelle zone da dove fuggono migliaia di esseri umani affamati, perseguitati e incivilmente trattati da despoti locali arabi ripiombati sulla terra dall’epoca della tratta dei negri. L’Onu deve imporre con ogni mezzo una politica tendente alla umanizzazione dell’Africa, cercando di tirarla fuori dal Medio Evo in cui, dopo l’epopea maldestra della colonizzazione europea, è piombata nuovamente.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi