cerca

A proposito di clima della tensione

10 Maggio 2011 alle 18:00

Questa mattina 10 maggio, nel corso della rassegna stampa di radio radicale, è stato riportato un editoriale del Manifesto titolato “Deriva europea” che attraverso una logica capziosa ed irrazionale accosta la politica Italiana ed Europea sull’immigrazione - contingentamento dei profughi , segregazione in campi di accoglienza transitoria e respingimento per gli irregolari - a quella nazista dell’ odio verso il diverso sfociata poi nella Shoah. L’articolo è ben articolato ma, nella dichiarata intenzione di fare di tutt’ erba un fascio, evita premeditatamente di affrontare la inconciliabilità della aggressiva politica di Lebensraum , espansione, di Hitler e della conseguente pulizia etnica rispetto a quella opposta di una necessaria regolamentazione per il contenimento della abnorme massa di umanità che preme alle frontiere dell’occidente e non della sola Europa. Mi domando incessantemente come sia possibile che in questo paese si continui deliberatamente a fare un tale strame della verità e della ragione contribuendo a confondere le idee su argomenti di eccezionale rilevanza sociale al solo scopo di strumentazione ideologica. Tali comportamenti concorrono a consolidare un clima del tutti contro tutti alimentando un livore concettuale di cui non abbiamo certo necessità visto che il clima del 68 è tuttora vivo è vegeto dalle parti nostre e chi negli 70/80 era in fabbrica ancora non dimentica come veniva alimentato. E non è certo in gioco la coperta della libertà di stampa, che tutto copre, ma più prosaicamente la qualità del nostro convivere sociale e della tolleranza delle idee, del buon senso insomma. Ma nessuno sembra voler fare un passo indietro per primo.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi