cerca

I falsi miti creati dai media

9 Maggio 2011 alle 15:00

La lista è lunga. Di tanto in tanto, nasce un mito, protagonista di prime pagine e montato ad arte per creare il personaggio e farlo apprezzare dalla gente. Mi viene in mente Nick Clegg, del quale avevo parlato, non proprio bene, quando veniva osannato dalla stampa inglese. La mia opinione sul suo partito e su di lui non è cambiata. I Lib Dem, a mio parere, hanno i peggiori difetti dei laburisti, degli ambnientalisti e dei conservatori, senza averne i pregi, proprio come alcuni partiti italiani che, alla fini fine, non sono ne' carne, ne' pesce, però, se assistiti da certa stampa, riescono a raccogliere consensi. Partiti destinati ad andare al traino degli dai quali copiano, purtroppo male. Un altro esempio che mi viene in mente e' Saviano, addirittura assurto ad eroe dell'anticamorra solo per aver scritto un libro, di cui non oso discutere, Egli e stato pompato, a dismisura, dai media. Quello che voglio dire è che, prima o poi, questi miti sono destinati a sgonfiarsi, se oltre il marketing, si rivela il nulla o il molto poco. Perché, checché se ne dica, la gente comune, potrà anche credere ai giornali ed alla televisione, ma fino a un certo punto, poi sopraggiunge il buon senso, che fa ragionare con la propria testa e verificare la grandezza o la pochezza delle persone, da quello che fanno realmente.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi