cerca

Guerra di Libia

30 Aprile 2011 alle 16:00

Concordo con la gran parte delle tesi esposte, anche a Radio Londra, dal Direttore. La crisi libica avrebbe dovuto essere gestita, sin dall’inizio, in ben altro modo. Certi errori, tuttavia, sono ormai commessi e contribuire a rovesciare Gheddafi è rimasta l’unica opzione sensata. Se riuscisse a liberarsi di quanti gli si sono ribellati non esiterebbe a trattarci, bombardamenti o meno, come traditori e a mettere in difficoltà la nostra politica energetica e i faticosi tentativi di regolare l’immigrazione dal nord Africa. Diventato però vero paria della comunità internazionale, non credo possa sopravvivere a lungo e ritengo sia ormai solo in grado di prolungare la propria agonia. Ricordate la fine di Milosevic e Saddam? Quando cadrà, i rapporti con l’attuale opposizione libica ci consentiranno di tornare a curare i nostri interessi nazionali.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi