cerca

Devo avere studiato male

27 Aprile 2011 alle 15:00

Al corso di Diritto Costituzionale, tanti anni fa, mi hanno insegnato che l'articolo 11 (L'Italia ripudia la guerra ...) fa parte di quei Principi Fondamentali che nessuno vuole cambiare. Quando un deputato recentemente si è permesso la buffonata provocatoria di proporre un "aggiornamento" dell'articolo 1, il presidente Napolitano, geloso (e a volte perfino pignolo) custode della Costituzione, si è giustamente detto sconcertato. Non così ora che Berlusconi ha deciso di bombardare in Libia: per carità, in pieno accordo con un premio Nobel per la pace, con Nato e ONU, fuori dalle città, con missili precisissimi... che ci mancava anche che dicesse di aver deciso di bombardare a cazzo. Si tratta - ha detto Napolitano - del "naturale sviluppo della scelta compiuta dall'Italia a metà marzo, secondo la linea fissata nel Consiglio supremo di Difesa da me presieduto e quindi confortata da ampio consenso in Parlamento". Io avevo imparato che "ripudia" è verbo forte, scelto apposta a significare respingere, non accettare, non approvare con decisione. Devo avere studiato male: in effetti loro sono ai vertici dello Stato, io sono qui a manifestare una "sconcertata sorpresa" nell'Hyde Park Corner del Foglio.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi