cerca

La festa del 25 aprile

26 Aprile 2011 alle 21:24

Mi consenta Direttore una considerazione, dettata da un richiamo storico che mi sembra abbastanza pertinente. La Spagna visse tra il luglio del 1936 e l'aprile del 1939 una guerra civile lunga e sanguinosa. Gli scontri tra miliziani e repubblicani si svolsero in campo aperto o per la conquista di fortezze, le Alcazar, e furono cruentissimi, tanto che talvolta neppure i civili o i preti furono risparmiati. Franco, come si sa, alfine vinse la guerra civile e fece costruire la Valle de los Caidos per onorare la morte del fondatore della falange spagnola, ma successivamente decise che il cimitero monumentale fosse dedicato a perenne ricordo dei caduti di entrambi gli schieramenti. Così vi sono sepolti in più di trentamila, franchisti e comunisti insieme. Ebbene, considerando che in Italia la guerra civile del 1943-1945 oltre a provocare fortunatamente meno vittime ha visto prevalere un fronte liberale e certamente più democratico rispetto al franchismo, mi chiedo perchè, dopo oltre 65 anni, si continui a tenere distinti e separati non solo i morti ma anche i vivi.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi