cerca

Una festa impropria

25 Aprile 2011 alle 15:49

Mi sono sempre chiesto cos’abbiano mai da festeggiare i comunisti in occasione del 25 aprile, ricorrenza del completo fallimento di una loro impresa: ossia il tentativo di rimpiazzare la dittatura fascista con quella comunista. D’altra parte la denominazione “Festa della Liberazione” e’ corretta per chi festeggia giustappunto la libertà, mentre e' poco adatta per coloro che al più possono commemorare la soddisfazione d'aver stroncato un tiranno rivale senza però esser riusciti a subentrargli. Per costoro mi sembra più appropriato parlar di “Festa del Dispetto”, non vi pare?

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi