cerca

Radio Londra del 21/4

23 Aprile 2011 alle 12:00

La vicenda Ciancimino, arrestato da Ingroia, perché un mafioso spacciatore di notizie false atte a destabilizzare importanti pezzi dello stato, suscita sdegno e rabbia. Bravo Ferrara, ha fatto bene a tirare per la giacchetta il Presidente Napolitano, anche lui invitato ad agire. A mio giudizio Napolitano ha già perso il treno per essere il presidente di tutti, e questo rattrista e rabbuia la complicata vicenda politica in corso. Un uomo super partes non attende l’invito di un grande giornalista per agire. Eppure Napolitano, condivido l’opinione di Ferrara, non è uomo pericoloso come Scalfaro. Oggettivamente il centro destra è debole, grazie alle imprudenze del premier, che costringe tutti a subire un tormentone dietro l’altro su vicende di ragazze e dichiarazioni sopra le righe che un presidente del consiglio non può permettersi. In un clima così sfilacciato il cuore a sinistra del presidente prende il sopravvento. L’imparzialità appartiene a Dio, non agli uomini. Mala tempora currunt.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi