cerca

Basta così /2

22 Aprile 2011 alle 17:00

“Basta così” è esattamente ciò che i savonarola nostrani vorrebbero sentir dire (se non nelle urne, da Polizia e Carabinieri, purché sia). Il copione è sempre il medesimo: finti cilici cominciano ad abbracciare addomi pingui ed un’aurea di ascetismo regala santità al banale quotidiano (e notturno) di pochi, mentre, a decine, sacerdoti zelanti usano ordinario talento per farsi chiesa ed additare alla generale devozione le nuove divinità. “Basta così” è quello che vogliono sentire quando, con infernali mazze verbali, violano il nostro privato, facendo del servizio pubblico (scuola, giustizia, televisioni) il loro cavallo di Troia. E noi, gridandolo quel: “Basta così”, epocheremmo, omologandolo, un ventennale scempio di diritti negati ai danni di un cittadino privato, reo di essere ricco e di avere scelto, per follia libertaria e contro il proprio interesse, la politica. E se lo dicesse lui quel: “Basta così”, stiamo certi che le iene cesserebbero all'istante di dilaniare le sue carni e se ne tornerebbero, indisturbate, a spartirsi le nostre vite, da subito cercando, per insopprimibile istinto predatorio, i suoi favori. Non sarà certo l’esposizione di un privato godereccio e consenziente ed illegittimamente invaso al prezzo del naufragio nel ridicolo giudiziario a farci dire “Basta così”. Berlusconi ha dato e dà molto di sé alla causa della libertà comune. E’ una storia di coraggio e di impegno anche e soprattutto finanziario, oltreché umano. L’ultima occasione reale di riportare un ordine istituzionale al posto che gli compete. Andiamo avanti.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi