cerca

Il vento del nord nazionalista

21 Aprile 2011 alle 19:06

In Finlandia ha appena vinto alle elezioni presidenziali il partito di destra dei "Veri Finlandesi" del leader fondatore Timo Soini che cavalca temi nazionalisti ed anti europeisti soprattutto a causa della cattiva politica migratoria della UE. Ma ciò che ha vinto in Finlandia non è tanto la presenza di un partito forte, risoluto e convincente, quanto il senso critico molto presente della popolazione che ha saputo accantonare il proprio valore atavico della solidarietà che ha indotto i Paesi ad approfittarsi dell'altrui generosità. Tale senso critico in Italia viene corrisposto da correnti alternative ai partiti tradizionali con cui l'italiano è abituato a convivere, vale a dire, la Lega Nord e le liste civiche. Liste che non sono altro che il frutto maturo e colto da una fetta di popolazione che desidera non solo cambiare ma migliorare, migliorarsi, confrontarsi, crescere, svilupparsi, sperare in un futuro migliore. Sono queste le genuine esigenze della gente comune, specialemente di coloro che stanno meno bene, che vengono incarnate da partiti alternativi ma validi, efficienti, radicati davvero sul territorio, il partito dei "Veri Finlandesi" docet.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi