cerca

Colpo di stato all'italiana

19 Aprile 2011 alle 10:02

Ad un certo punto uno si chiede: cosa deve ancora succedere in Italia perché si realizzi veramente un colpo di Stato? Manca forse l'appoggio da parte di Magistratura, scuola, università, sindacati, centri sociali, editoria, media, intellettuali e perfino imprese? Troppo tardi, già c'e'. Allora forse manca solo la spinta iniziale, la miccia, la scintilla tanto per esasperare? No, di occasioni ce ne sarebbero, ad esempio una bella strumentalizzazione dell'emergenza immigrati tanto per cambiare. E invece no, niente, solo qualche timido invito, tanto per amore della conversazione, del dialogo, del confronto, solo per dire, un'ipotesi, una teoria, una discussione. Anche al limite inutile perché il colpo di stato già c'e' ma all'italiana, lento, graduale, un passo avanti e un mezzo passo indietro, politicamente corretto, o quasi, certamente sfaticato. Quindi niente paura, gli amanti del golpe non hanno proprio bisogno di fare nulla, col tempo tutto si aggiusterà, anche i loro compromessi, con l'avvento della repubblica islamica d'Italia parte del nuovo regno islamico d'Occidente. dategli qualche anno ancora..

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi