cerca

Non c'è solo la politica/ 2

18 Aprile 2011 alle 16:04

Senza polemica, senza intenti pedagogici, solo una considerazione: la candida, è un apprezzamento sincero, sig.ra Vittoria Boe dovrebbe prendere atto della realtà, così come l’hanno costruita e ce l’hanno consegnata tutti quelli che ci hanno preceduto. Certo, adoperarsi per cambiarla in meglio, è sempre stato il loro obiettivo e, poiché non possiamo pensare che fossero tutti in mala fede, se dopo secoli e secoli siamo ancora alle prese con gli stessi problemi, non sarà che, tra “come dovrebbe essere” e “come è” ci sia di mezzo l’uomo? Se ritiene accettabile questo punto di partenza, e non una mia aberrazione nemtale, dovrà, credo, convenire che dietro il barbaro, ripugnante assassinio di Vittorio Arrigoni, la politica è presente a tonnellate. E’ comprensibile il desiderio di metterla fuori, di fronte alla uccisione di una persona e di concentrare l’attenzione sulla coraggiosa personalità della vittima: della politica, una delle tante. Non esiste ideale o cosa pensata dalla mente umana che non abbia dovuto farci i conti, perché la politica, non è altro che un aspetto dell’umano agire. Con un limite invalicabile: non è mai stata e non è in grado di rendere omogenee le inesauribili variazioni del “come dovrebbe essere”. Non è fatalismo rassegnato o nichilismo provocatorio, è solo il tentativo razionale di sfuggire alle suggestioni fascinose che, proiettandosi nel Paradiso, fanno perdere di vista le quotidiane responsabilità individuali.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi