cerca

La solidarietà di Gad Lerner

18 Aprile 2011 alle 17:00

Gad Lerner nei giorni scorsi, aveva tentato di somministrare l'ennesima iniezione di democrazia al popolo italiano: accusando il Governo di essere impreparato e dilettantesco in quanto non era stato capace di allestire un'adeguata accoglienza nei riguardi dei profughi tunisini sbarcati a Lampedusa. E che la cosa era tanto più stridente in quanto non si trattata di uno "tsunami" umano, come evocato dal Ministro degli Interni Maroni, bensì di qualche decina di migliaia di persone. Varrebbe la pena ricordare al suddetto Lerner che nessun paese europeo si è dimostrato all'altezza di una ospitalità organizzata e all'avanguardia come da egli auspicato, dal momento che a più riprese Francia e Germania si sono opposte all'idea di far circolare i profughi. Fatto poi salvo il fatto che nel braccio di ferro con la Francia il nostro paese è riuscito a far valere le proprie ragioni e quindi a dimostrare un peso diplomatico (definiamolo così), che Gad sottostimava ed irrideva. Ma c'è di più: ovvero il fatto che questi immigrati non è che siano stati trasferiti di forza in paesi terzi, bensì attraverso la misura adottata dal nostro paese (il rilascio di permessi di soggiorno temporaneo), hanno potuto scegliere loro, in libertà e coscienza, la destinazione che avevano desiderato fin dall'inizio e che invece Lerner probabilmente preferiva negare, accampando improbabili quanto surrettizi argomenti relativi all'accoglienza, alla solidarietà e farmaci ideologici vari. Il Governo italiano invece ha dato a questi uomini l'opportunità di restare, per chi ha scelto di restare, e di andare per chi invece aveva già una meta dove andare. Questa è la libertà, questa è la democrazia, questo è il rispetto dei diritti dei migranti. Che invece Lerner intendeva probabilmente trattenere nel suolo patrio solo per farne scudi umani contro le inefficienze (presunte) del nostro esecutivo. Il fatto si commenta da sè.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi