cerca

Non c'è solo la politica

16 Aprile 2011 alle 19:00

E se per una volta lasciassimo di parlare di politica e volgessimo lo sguardo all'evento drammatico della uccisione,per impiccagione,a Gaza,del nostro giovane connazionale Vittorio Arrigoni? La politica del nostro tempo,nel nostro Paese,è confusa e contradditoria, conosce toni aspri ed esasperanti,delude e scoraggia chi vorrebbe che essa risolvesse,senza risse inconcludenti,i diversi problemi,o almeno alcuni, fra cui si dibattono i cittadini. Ma si palesa ancora più vana di fronte alla crudeltà della morte violenta di un pacifista che soleva ripetere nei suoi messaggi:"Restiamo umani". Aveva fatto di queste parole lo scopo dichiarato della sua vita,un messaggio da trasmettere ripetutamente ad amici,conoscenti e uomini di buona volontà;e non erano parole vuote se è vero-come è vero-che da tre anni si trovava a Gaza per operare in tal senso,per promuovere-per quanto era nelle sue possibilità-la cultura della pace in una terra da troppo tempo tormentata dalla guerra. Dunque:la politica è importante,sì,ma diventa davvero piccola cosa se messa a confronto col sacrificio umano di un ragazzo che aveva abbracciato un ideale nella cui realizzazione credeva convintamente.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi