cerca

E se avesse ragione AAR (e Gad Lerer)?

16 Aprile 2011 alle 10:00

I tre capi di Stato firmano un articolo congiunto su quattro quotidiani. La tv libica mostra il raiss su un'auto in corsa Il colonnello Muammar Gheddafi non deve restare al potere in Libia e lasciarlo continuare a governare «sarebbe un tradimento inconcepibile». Lo scrivono in un intervento congiunto pubblicato da ’International Herald Tribune' con il titolo ’Il percorso della Libia verso la pace', da ’Le Figaro' e dal ’Times’ di Londra, il presidente Usa Barack Obama, il primo ministro britannico David Cameron e il presidente francese Nicolas Sarkozy. «Fino a quando Gheddafi resterà al potere, la Nato ei suoi partner di coalizione devono proseguire le loro operazioni in modo da proteggere i civili e aumentare la pressione sul regime», scrivono i tre leader, sottolineando che i loro governi «sono uniti riguardo a quanto dovrà accadere» per porre fine alla crisi libica. Dopo aver letto l'appello di tre grandi capataz democratici del mondo occidentale (patria della democrazia), mi sorge il dubbio che l'ottimo AAR possa aver ragione e che l'auspicio al golpe dei veri democratici (le minoranze sconfitte dall'urna elettorale), sia l'appello legittimo di un precursore la cui filosofia democratica sta proprio nel garantire il potere a chi se lo merita. Come scoprire chi se lo merita? Una quisquilia: il più forte.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi