cerca

L'Italia, l'Europa e i migranti

12 Aprile 2011 alle 21:00

I soloni europei hanno detto che un paese con 60 milioni di abitanti non deve temere l'arrivo di 25 mila migranti. Ora qualcuno mi spieghi con quale logica chi ha una popolazione così numerosa, con una densità al di sopra della media europea di 200 ab. per km quadrato, dovrebbe tranquillamente accettare una "invasione" che non accenna a diminuire, anzi va intensificandosi.La preoccupazione di fronte a un tale fenomeno non può essere attribuita solamente all'egoistico desiderio di mantenere il nostro livello di benessere,essa ha radici ben più profonde che affondano nel timore di dinamiche ingestibili e deleterie per la nostra civile convivenza. A casa mia io invito al massimo una decina di persone, perchè questi sono gli spazi e le possibilità che la mia condizione mi permette. Se aprissi la porta a tutti creerei un caos tale da stravolgere gli equilibri familiari, con svantaggi notevoli anche per gli ospiti. Lo stesso principio dovrebbe valere anche se applicato su larga scala.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi