cerca

Il sogno di Ferrara può sfrucugliare il Pd

11 Aprile 2011 alle 20:00

Pensate se il sogno di Ferrara si avverasse. Magari a breve. Nel PD il panico dominerebbe incontrastato. Improvvisamente soli, senza il mitico nemico da abbattere. Impreparati a tutto , senza un candidato premier, senza un programma per il paese, abbandonati dalle Procure, improvvisamente svuotate dai processi a Berlusconi e che quindi dovrebbero dedicarsi cose più serie. Un disastro epocale. In Parlamento D'Alema terrebbe un discorso alto ringraziando Berlusconi per come ha rinnovato la politica. Bersani gli offrirebbe una lenzuolata di critiche complimentose. Vendola, dalla Puglia, farebbe sapere che Berlusconi gli è stato maestro per la comunicazione e santificherebbe cristianamente l'avversario che mai può essere nemico. Rosy Bindi lascerebbe scivolare due lacrimucce. E il PDL? Preoccupato per l'improvviso l'annuncio di Berlusconi, che manderebbe gran parte di loro a casa, chiederebbe al Presidente del Consiglio di rimanere. Mettendo un voto di fiducia. Che non si nega a nessuno. Voto segreto. Il risultato sarebbe a favore di Berlusconi. A maggioranza assoluta perchè l'opposizione, salvo qualcuno, avrebbe votato per lui. Fine del sogno.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi