cerca

Quali sono le sirene cui resistere

25 Marzo 2011 alle 18:00

La guerra in Libia non è organizzata e manovrata dalla Nato, ma dalle multinazionali dell’ energia, preoccupate per la sorte dei pozzi petroliferi nordafricani. Le decisioni del governo francese non vengono prese da Sarkozy ma dalla Total. La politica estera italiana non è guidata né da Berlusconi né da Frattini, ma dall’Eni: questo spiega gli atteggiamenti contraddittori del nostro premier, dal baciamano a Gheddafi all’ offrire supporto logistico agli aerei della Nato. Il vero obiettivo dell’Odissea all’alba non è proteggere i civili e quanto sta in superficie , ma salvaguardare il sottosuolo. Se la Bosnia fosse stata ricca di petrolio non avrebbe dovuto aspettare ben quattro anni prima che la Nato intervenisse ad interrompere una cruentissima guerra civile: per decidere l’intervento militare in Libia sono stati sufficienti quattro giorni.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi