cerca

Il Cav di malaffare e di Governo

25 Marzo 2011 alle 10:00

Ribadita come del tutto ovvia la presunzione di innocenza in capo a chicchessia, è veramente inspiegabile come il Cav riesca a fare scivoloni di tal fatta nella nomina di ministri, scegliendo persone non solo discutibili bensì pianamente inaccettabili. Pur comprendendo tutte le ragioni della realpolitic, non si poteva scegliere una persona di vaglia, seppure collegata ai cosiddetti responsabili, invece di aggiungere un pezzo spregiato al già migliorabile elenco degli interpreti di questo sottobosco politico? Tra l’altro scelte di questo tipo sviliscono l'immagine di tutto il governo, non solo con detrimento dei molti buoni elementi che lo compongono, ma prestando anche il fianco alla solita litania del Cav di malaffare e di governo. Ciò di cui non si sente affatto bisogno.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi