cerca

Come se sulla Libia...

23 Marzo 2011 alle 09:00

Come se sulla Libia si scherzasse o giocasse alla guerra (e l'anarchia decisionale non permetta che la ragione trionfi...persino con ritiro delle nostre basi)...mentre i morti veri aumentano. Berlusconi si mostra "addolorato" per Gheddafi (non per tutte le sue vittime). I nostri "tornado" utilizzati soltanto per pattugliamento...ma intanto La Russa aggiunge altri due aerei. Come voler avere la botte piena...o al "vorrei ma non posso"...a chi lancia il sasso... (per timore di ritorsioni?). Certo, non volendosi accettare che Sarkozy abbia "rubato la scena" rompendo gli indugi (che sicuramente si erano fatti pressanti) e attaccando, non facendoci dimenticare che proprio in assenza di decisioni dall'alto (Onu/Nato)... a Bengasi si andava incontro a sfiorare una carneficina, giustificando l'intervento del momento. Già, situazione umanitaria, ma la Francia che si appellava a sua osservanza di Risoluzione ONU ha anche dato l'impressione di essersi comportata con la Libia come di fronte a "res nullius"...dando davvero un cattivo esempio... europeistico (e facendo comunque pensare che, quando sarà, lo stesso Sarkozy possa strappare futuri e migliori contratti rispetto ad altri...magari sperando di recuperare terreno dalle ultime sconfitte elettorali). Al braccio di ferro con la Francia che vuol farci godere in toto la presenza di tutti gli attuali migranti che sbarcano a Lampedusa (tutto esaurito ?)... si potrebbe proporre un centro di accoglienza in zona confinante con la Francia... anche a ricordo delle centrali nucleari che loro stessi hanno messo in vicinanza dell'Italia?

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi