cerca

Ancora sulla scuola. Replica, senza polemica, alla sig.ra Vittoria Boe

15 Marzo 2011 alle 15:30

La Signora, dopo aver tratteggiato con maestria il profilo dello studente di oggi, chiude con: “E la soluzione? Davvero banale: basterebbe essere più disponibili allo studio, anche a costo di rinunce”. Sacrosanto! Ma manca il “come indurre simile disponibilità”. Già, il solito “come”, da cui tutti si tengono alla larga, altrimenti si dovrebbero prendere posizioni politiche. Perché, inutile girarci intorno, la scuola e tutti i collegati, comunque si vogliano declinare e indirizzare e sviluppare, sono sempre stati e, sempre lo saranno, materia politica. Il controllo della Scuola e del suo modo di estrinsecarsi e incidere nella società sono fonte di potere. Per cui. Le buone, lodevoli, giuste proposte, ispirate da un sincero amore per la sua ottimale efficacia, efficienza e funzionalità, rimangono tali, poiché chi ha il potere di farlo, la strutturerà secondo la sua concezione politica. Potrebbe essere diversamente? Ciascuno sosterrà che la sua impostazione politica è la migliore in assoluto e, saremo alle solite. Poi sbizzarriamoci pure col sesso degli angeli.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi