cerca

I tormenti del "giovane" Pier Luigi

13 Marzo 2011 alle 08:00

Sergio Chiamparino, intervenendo nel 'backstage' del programma di Radio2, “Un giorno da Pecora”, s’è dichiarato pessimista sul futuro del Pd. Del Pd attuale o di quello che sarà, o meglio di quello che potrà uscire dal confronto parlamentare sul Ddl Giustizia? Questa è l'occasione, unita alla scelta delle alleanze per le Amministrative, per far capire cosa realmente sia e dove intenda andare il Pd. Se non può, o non vuole uscire dalle pregiudiziali sempre e comunque antiB, Chiamparino ne ha ben donde di essere pessimista. Non tanto, si badi bene, per il desiderio di far fuori il Cav, quanto perché focalizzandosi solo su questo, non s’è preparato, culturalmente e politicamente per il dopo Cav. Oddio, il Cav. è il più grande fornitore di alibi alla sinistra. Però che partito credibile e appetibile può essere quello basato sulle ripetute offerte di accordo-scambio che Bersani propone alla Lega: “Io do il Federalismo a te, tu dai il Silvio a me”. Roba da quaquaraquà.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi