cerca

Dialogando sulla scuola con la Signora Boe

10 Marzo 2011 alle 15:00

Cara Vittoria, si, ha ragione, la mia "soluzione banale" per la scuola è una vera e propria scoperta dell'acqua calda, e naturalmente sono anche consapevole che ogni problema è ormai sempre più "complesso", tanto da richiedere il convergere di diversi specialisti della materia. Penso anche, però, che a furia di evocare (più che risolvere) queste complessità il corpus di conoscenze sulla scuola e sull'insegnamento abbia assunto lo status di disciplina autonoma, tanto, appunto, da rendere "acqua calda" le banali e vecchie materie di studio intese in senso letterale. Lei in sintesi non auspica, come faccio io molto rozzamente e un pò dispoticamente, una soluzione banale, ma una soluzione raffinata e... complessa, che sia in grado di esorcizzare Facebook e quei discoli di studenti distratti. L'importante è comunque arrivarci, a questa soluzione. Intanto, però, sarei curioso di capire qual'è la sua, se non è troppo complessa naturalmente.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi