cerca

Lo scandalo Berlusconi

7 Marzo 2011 alle 14:30

Oramai è chiaro! La battaglia è a viso aperto! Non ci sono e non ci possono essere spazi per prudenze di sorta: le stesse prudenze che hanno consigliato, sotto la spinta di opportunità di moderazione, di fermarsi sempre alla soglia delle riforme. In particolare della Riforma della Giustizia. In vari passaggi si è risposto con timidezza agli attacchi crescenti dei pm: ora è l'attacco finale, ma è anche il più scandaloso. Ma lo scandalo, per loro, non è qualche ragazza disponibile (laboriosamente spiata per settimane). La pretesa morale del complotto golpista è più grande, e lo spiegano, senza pudore, in ogni sede. Il sexygate, in fondo, per molti di loro è consapevolmente un espediente, come lo fu l'evasione fiscale per Al Capone. E' lo SCANDALO POLITICO di BERLUSCONI che vogliono rimuovere: lo scandalo di un avversario che si è, inopinatamente, opposto, dal 1994 alla loro definitiva presa del potere, è lo SCANDALO di chi rappresenta , plasticamente (e per il fatto di esistere e resistere) tutta la loro impotenza politica, tutta la loro incapacità culturale di comprendere l'attuale società italiana, nonostante i loro tentativi di falsificazione o di ideologica rappresentazione. O forse proprio per questo. La vera VIOLENZA è questa. E’ quella di una grande ignoranza mascherata da cultura, una oligarchia mascherata da democrazia, una prepotenza mascherata da giustizia. Attenti , è questa , oramai, la partita in gioco . E va molto al di là della persona (in quanto tale pure sacra ed inviolabile) del premier.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi