cerca

Giustizia e grammatica

28 Febbraio 2011 alle 20:30

Una frase contiene solo il suo significato. Non contiene il contesto in cui viene pronunciata, ne' la frequente dietrologia di chi l'ascolta. La frase di Berlusconi riguardo la scuola e la libertà è ineccepibile e ottant'anni fa, in pieno regime fascista, sarebbe stata assai lodata dalla sinistra. Oggi la sinistra vuol scendere in piazza per contestarla. Come se le parole possano all'occorrenza avere significati opposti, secondo i bisogni dell'udienza. E contro le prescrizioni della grammatica insegnata a scuola (sia pubblica che privata). Non credo a chi impicca l'avversario ad una parola, così come non credo a chi cerca di impiccarlo ad un reato che da quindici anni ancora non si trova. La politica fa male alla giustizia quanto ne fa alla grammatica.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi