cerca

Retorica patriottarda

23 Febbraio 2011 alle 09:00

Che noia la retorica pattriottarda nordista e sudista. La storia narra di una annessione sabauda con tutti i problemi connessi, narra altresì di un risorgimento "borghese" non certo popolare. Siamo (ancora oggi) pur sempre il paese del "o Franza o Spagna, purchè si magna". E' forse interessante confrontare la nostra fase risorgimentale con l'unità nazionale raggiunta dalla Germania più o meno negli stessi anni: annessione dei vari stati tedeschi da parte della (non amatissima) Prussia. La differenza più evidente sta nel fatto che i tedeschi si erano sempre sentiti tali (heimat), prima che bavaresi o sassoni e continuano anche oggi, gli italiani si sono sempre sentiti e continuano a sentirsi parte del proprio campanile, prima che, appunto, italiani. Ormai siamo sulla stessa barca, remiamo e smettiamola di annoiarci a vicenda con rivedicazioni sballate.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi