cerca

La Libia e Gheddafi

23 Febbraio 2011 alle 14:23

Causa, passate esperienze avute sia andando in Libia(in aereo-LYBIAN AIR) che su territorio libico (Tripoli-Bengasi-Tobruk) anni 1970 dovrei essere il primo a criticare gheddafi, ma causa la mia etica,discutibile o meno,ho sempre guardato a Gheddafi con enorme simpatia,considerandolo un vero rivoluzionario in nome del popolo,e tutto ciò che sta accadendo attualmente in Libia è opera certamente del fondamentalismo islamico, che ben conoscendo la debolezza attuale del Governo BERLUSCONI,e la cazzimmosa strategia dell'opposizione,ha compreso che fomentando i popoli dei paesi affacciantisi sul mediterraneo,avrebbero così avuta una porta aperta e inchiudibile per motivi umanitari per l'invasione totale dell'Europa. Certo ora è ancora troppo presto,ma fra qualche mese quante famiglie europee,fra cui l'Italia piangeranno i loro morti periti in attentati effettuati dal fondamentalismo islamico. Ora di tutto il marasma, termine di fattura progressista in Libia e paesi limitrofi, ma a proposito,cosa fa il Marocco? dorme? Si ignorasse ciò? impossibile, Tripoli ,e tornavo dal deserto dopo aver ispezionato serbatoi di stoccaggio petrolio in costruzione,circolavano per la città tantissime infermiere superavvenenti di stanza negli Ospedali di Tripoli. Era vietato rivolgere loro la parola, essendo sotto protettorato libico,e se un poliziotto non se ne avvedeva, era lo stesso cittadino tripolino a guardarti torvamente. Ora cncludo dicendo che se Gheddfi ha reagito disumanamente, è perchè si è sentito tradito,avrei reagito nell'identico modo,non certo se fossero stati miei figli. Ripeto non giustifico i morti libici di queste ore,anche se bisogna appurare de visu tante notizie,come i razzi dati dagli italiani,e se cosi fosse stato non sono italiani ma solo nemici di Berlusconi. Ho sempre considerato Gheddafi un nazionalista innamorato del suo popolo forse perchè lo sento simile a me. Quanto di civile abbia fatto in Libia Gheddafi, non si conta, e, in quale considerazione tenesse il suo popolo, avrei bisogno molto di più dei 2000caratteri concessi. Se ha reagito in modo disumano è perchè si è sentito tradito,o perchè realmente sa chi sono i fomentatori. Quando il popolo rumeno si ribellò a Ceausescu, tutti brindammo all'eroismo dei rumeni,salvo poi a comprendere mesi dopo,che era avvenuto solo il cambio della guardia. Era salito insomma primo in classifica chi da troppo aspettava in seconda. E sembra che in Romania le cose non siano cambiate molto,possono entrare,uscire,ma in paese entra anche valuta che non viene spesa nella nazione che ti permette di guadagnarla

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi