cerca

La primavera dei popoli

22 Febbraio 2011 alle 21:00

"Angosciati ma poco attrezzati per giudicare. Auguriamo al piccolo popolo della Libia (7 milioni) percorsi di democrazia e di prosperità" così scrivevo ieri su Twitter. Poi ho letto il fondo di Repubblica scritto da Bernardo Valli e mi sono chiarito le idee. Ho capito che non ci sarebbe stato un nuovo Iran fondamentalista in Nord Africa. Che la protesta dei giovani tunisini ed egiziani è genuina e smaliziata e il fondamentalismo islamico non c'entra. Che gli eserciti hanno aderito alla rivolta con la condiscendenza Usa, ma la rivolta era venuta prima, innescata dal bisogno e propagata da Internet. Che stiamo assistendo alla primavera africana che purtroppo, a differenza di quella sovietica, si sta macchiando di sangue in Libia, ma inevitabilmente sboccerà e fiorirà rigogliosa. L'articolo si chiude con l'elogio ad Obama e la condanna di Berlusconi colpevole di aver riflettuto un attimo prima di parlare. Ho letto la dichiarazione di Berlusconi, che è arrivata a distanza di tre ore. Parole meditate di un capo di Stato confinante, preoccupato per i lavoratori italiani in Libia, per le imprese e per gli approvvigionamenti di energia. Preoccupato dell'impatto dei profughi con le nostre frontiere e consapevole degli impegni del dopo. Impegni obbligatori indipendentemente dagli esiti della insurrezione libica. Perché, a differenza degli altri nostri partner europei, noi dobbiamo convivere con la Libia e col suo popolo, con o senza Geddafi. Può dire lo stesso Onama? O gli altri zelanti, a chiacchiere in Europa? La Francia, la Gran Bretagna, la Germania hanno le centrali nucleari. Noi, per colpa dei nemici di Berlusconi, le abbiamo distrutte e siamo dovuti scendere a patti con i vari Rais per la fornitura di petrolio e di gas. Come dovremo, anche con i vincitori di questa sfida. Allora oggi ho scritto su Twitter: "Ragazzi del Magreb, sappiate che gli italiani parteciperanno alla vostra primavera. Anche se dovesse arrivare in ritardo. Noi ci saremo!"

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi