cerca

In margine al 150° dell'Unità

22 Febbraio 2011 alle 16:32

L'Italia è nata in un bruto giorno, il 17 è nefasto, lo sfratto dal Quirinale del Papa non ha portato fortuna, né alla monarchia né alla repubblica. L'unità che si vuole celebrare il prossimo marzo è stata una costruzione imposta dal clima culturale del XIX sec. Per secoli l'Italia si è sottratta allo spirito nazionale, che non le è congeniale. La sua storia è quella comunale, erede dei municipi romani e la sua epica è quella imperiale. Non a caso Italia e Germania furono le ultime a costituirsi in nazioni politiche, esse sono entrambe eredi dell'Impero romano e sacro romano, ma non della nazione e del nazionalismo che ha tormentato la storia del mondo. Ogni città italiana è capitale, Roma vi è riconosciuta perché è sede ecumenica della cristianità, volere rafforzare la nazione con gli inni nazionali e le celebrazioni è una operazione di lifting anacronistica. In un tempo in cui si sono frantumati i complessi ideologici la globalizzazione riporta la coesione politica alla identità di strapaese, nessun popolo ironizza come gli italiani su sé stesso e non si indigna per le offese che costantemente le vengono fatte dalle nazioni, perché intimamente avverte la sua superiorità, è l'orgoglio del civis romanus su tutti gli altri popoli, che solo "parcit victis", anche se non ha la forza di "debellare superbos".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi