cerca

Ancora sui magistrati

21 Febbraio 2011 alle 20:42

Siamo stanchi della querelle tra magistratura e governo; se il governo attacca i magistrati, questo avviene perché essi si sono messi nella condizione di essere attaccati. Non esiste più la sacralità della magistratura; allorché si iscrive al sindacato, milita nelle organizzazioni politiche, impugna i disposti di legge, anche se lamentano di essere provocati, non hanno diritto alla difesa. I carabinieri sono soliti ubbidir tacendo, a maggior ragione questo vale per i magistrati; e dove siamo? Perché non scendono in piazza con i metalmeccanici appuntando, però, sulle loro toghe anche il cedolino della loro retribuzione? Se svolgessero il loro compito come un servizio volontario, una liturgia civile, allora avrebbero diritto alla deferenza pubblica, ma poiché sono retribuiti dallo Stato ad essi si può chiedere conto del loro operato, come ai politici e a tutti gli impiegati dello Stato; il Ministero della giustizia esiste anche per questo. Che spettacolo vedere procuratori e giudici in ermellino sbavare fiele contro il Presidente del consiglio! Il Presidente della repubblica sembra non accorgersene, non è lui il presidente del consiglio superiore della magistratura? Un magistrato non parla, sentenzia, la parola appartiene agli avvocati o ai politici, il magistrato è muta lex; se si accapiglia, come succede nel foro politico, perde ipso facto il decoro di magistrato e le insegne che lo proteggano dagli insulti. Il magistrato è un deus absconditus, la responsabilità di aver avvilita la funzione è tutta loro, medice, cura te ipsum. Il fatto è che si accertano per concorso solo le competenze tecniche (se pur vi sono) ma si danno per scontate le virtù che rendono gli uomini degni delle funzioni che sono destinati a svolgere. Le virtù in democrazia sono per convenzione patrimonio universale, ma la realtà dimostra il contrario. L’ermellino può coprire un lupo, una iena o una volpe, l’abito non fa il monaco e nemmeno mezzo monaco.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi