cerca

Al Fli con biglietto di andata e ritorno

21 Febbraio 2011 alle 20:30

Entrare tra le file del Fli, movimento-partito che fin dalla sua nascita ha mostrato i suoi limiti sull'antiberlusconismo, è come abbracciare il sacerdozio ("tu es sacerdosi in aeternum"). Per cui reietto è colui che abbandona la tonaca di Fini. Insomma il Fli è una meta senza biglietto di ritorno. Che ipocrisia sostenere che chi "ritorna sui suoi passi" è un venduto... e chi, per fondare il FLI, se ne è andato dal Pdl?

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi