cerca

Pensano d'averci cotti a puntino. La solita presunzione

16 Febbraio 2011 alle 14:00

Basta un particolare, piccolo, fugace ma rilevatore di come intendono l'informazione in quel di Ballarò: Floris annuncia che farà vedere un confronto tra Giuliano Ferrara e Eugenio Scalfari. Cosa ne esce? Venticinqe secondi dell'intervista del Direttore al Tg1 e di una fatta a Scalfari, realizzata a debita distanza, con un paio di domande cui seguono doppiezze scalfariane, tipo:"Come si fa a dire che un gruppo editoriale influenzi la magistratura?" Povero cocco vergine! E Floris l'ha spacciato come confronto. La disgustosa impudenza, l'acre perfidia con cui la sinistra conduce la battaglia politica, la nauseabonda distorsione dei fatti, il disprezzo spocchioso per le opinioni altre dalle loro, qualità impersonate abbondantemente dal duo B.B (Bindi-Bocchino), fanno prorompere un tale rigetto nei confronti della loro parte, che il Cav., nonostante i suoi peccati e trasgressioni, pubbliche o private che siano, resta sempre una garanzia di libertà. Convinzione rafforzata dal merito incommensurabile d'aver lottato, resistito e spesso vinto per diciassette anni contro simile genia fondamentalista.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi