cerca

Libertà soprattutto

14 Febbraio 2011 alle 19:00

Io madre, professionista parasanitaria (infermiera professionale, ostetrica, capo sala e vigilatrice d'infanzia) ora pensionata,ricordo e ho sulla pelle e nel sangue e nel cuore impressi gli anni di impegno e di sacrifici (felici) vissuti nel perseguire il potere, il mio personale potere di donna libera, protagonista,entusiasta, nel perseguire i miei obiettivi. Anni difficili ma interessanti vissuti facendo la moglie, madre, lavoratrice, studente contemporaneamente in un ritmo incalzante. Avrei potuto aspirare a diventare medico per mia passione e disposizione allo studio (nel mio campo sono sempre risultata prima della classe e non per ambizione perchè non sono per nulla competitiva )ma essendo la sola femmina prima di quattro figli..... Ora non scendo in piazza a difendere diritti, quelli che già nel 1968 e seguenti alcune donne,che io ritenevo e ritengo un tantino esaltate , volevano rivendicare in nome dell'emancipazione e diritti. Per me sbagliavano l'obiettivo: volevano libertà sessuale e ora che l'abbiamo ottenuta condannano chi la utilizza forse a sproposito. Ma chi può giudicare o fissarne i limiti? Spero non una magistratura ne leggi dello stato che si dichiara laico e si comporti da inquisitore morale ed etico.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi