cerca

Mutatis mutandis

12 Febbraio 2011 alle 16:00

Mai come in questo periodo mi ritornano prepotenti alla mente le parole del nostro Amico ebreo di circa trentatre anni che chiamava gli intellettualoidi del suo tempo "sepolcri imbiancati" e che preannunciava loro guai e non beatitudine. Falsi moralisti dell'ultima ora che vengono a darci lezioni dimenticando che sono proprio loro i cattivi maestri di questi tempi bui. In questo tempo dopo Cristo, ma senza Cristo i nodi cominciano a venire al pettine.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi